Ora sei nella sezione: Biografia Vai alla Pagina PrincipaleVisita la Virtual Gallery
   
  ArchivioOra sei nella sezione: BiografiaOpereMostreRisorse
 
Piero Manzoni firma una scultura vivente

Cerca nel sito »

Help  Serve aiuto?
Cambia Lingua
Newsletter Iscriviti alla NEWSLETTER per essere sempre aggiornato sulle novità
Sondaggio
Vota manzoni
Scarica il banner
Ora sei qui: Home> Biografia > 1960  Mappa del sito     Versione stampabile     Invia la pagina a un amico
  Mappa Stampa Invia

Biografia di Piero Manzoni - 1960

1960

Il secondo ed ultimo numero della rivista "Azimuth" (in cui compare il saggio di Manzoni "Libera dimensione") viene pubblicato in occasione della mostra "La nuova concezione artistica" (Galleria Azimut, Milano, 4 gennaio – 1 febbraio; con lavori di Kilian Breier, Enrico Castellani, Oskar Holweck, Yves Klein, Heinz Mack, Piero Manzoni, Almir Mavignier).
"Libera dimensione", uno degli scritti più lucidi di Piero Manzoni, sarà tradotto e pubblicato di lì a poco nel catalogo di "Monochrome Malerei", la mostra curata da Kultermann (Leverkusen, marzo), dedicata alla genesi e allo sviluppo della monocramia.
Manzoni intreccia una fitta rete di rapporti internazionali.
E’ presente con una delle sue Linee alla mostra "Miriorama 1" (Galleria Pater, Milano, 15-17 gennaio), dove i membri del Gruppo T si mostrano insieme per la prima volta. Espone con Castellani alla New Vision Centre Gallery di Londra ("Castellani Manzoni. A New Artistic Conception", 1-19 marzo). Partecipa alla mostra organizzata da Udo Kultermann a Leverkusen ("Monochrome Malerai", Städtisches Museum, 18 marzo – 8 maggio). Assieme a Biasi, Castellani, Mack e Massironi, Piero Manzoni espone a Padova, al Circolo del Pozzetto (aprile). In maggio prende parte all’esposizione "Contemporary Italian Art", all’Illinois Institute of Design di Chicago (9–20 maggio).
Il 3 maggio i primi Corpi d’aria vengono presentati alla Galleria Azimut ("Corpi d’aria di Piero Manzoni", 3-9 maggio). In giugno sono esposti anche alla Galleria Køpcke di Copenaghen (dove è allestita la mostra "Manzoni", 10 giugno–1 luglio), insieme ad Achrome, Linee e Uova. Qui Manzoni firma per la prima volta delle uova con l’impronta del pollice.
Il 4 luglio (tra le 16 e le 18.55), Manzoni realizza in una tipografia di Herning, in Danimarca, la più lunga delle sue Linee: la Linea m.7.200; presto seguita dalla Linea di lunghezza infinita.
Alle 7 di sera del 21 luglio 1960, a Milano, si svolge una delle performance più famose di Piero Manzoni: la Consumazione dell’arte dinamica del pubblico divorare l’arte. Una cerimonia rituale dove alcune uova sode firmate dall’artista sono consumate sul posto dal pubblico.
Secondo la testimonianza di Giampaolo Macentelli (citata in Freddy Battino – Luca Palazzoli, "Piero Manzoni, Catalogue Raisonné", Milano, p.105), l’evento non ebbe luogo nella Galleria Azimut (dove era stato annunciato quale ultimo evento espositivo per quella sede), ma in uno studio cinematografico (Filmgiornale SEDI), e venne documentato in cortometraggio.

Torna su Torna su Stampa la pagina  Versione stampabile Spedisci la pagina  Segnala la pagina
 
 
HELP   |   CONTATTI   |   NEWSLETTER   |   SONDAGGI   |   DOWNLOADS    |   CARTOLINE   |   TESI ON LINE   |   GALLERY    |   CREDITS
© 2003-14 Fondazione Piero Manzoni - Versión en español Versión en español - English version English version - Web Design and Content Management by Stefano Cappelli