Ora sei nella sezione: Biografia Vai alla Pagina PrincipaleVisita la Virtual Gallery
   
  ArchivioOra sei nella sezione: BiografiaOpereMostreRisorse
 
Piero Manzoni firma una scultura vivente

Cerca nel sito »

Help  Serve aiuto?
Cambia Lingua
Newsletter Iscriviti alla NEWSLETTER per essere sempre aggiornato sulle novità
Sondaggio
Vota manzoni
Scarica il banner
Ora sei qui: Home> Biografia > 1961-1963  Mappa del sito     Versione stampabile     Invia la pagina a un amico
  Mappa Stampa Invia

Biografia di Piero Manzoni - 1961-63

1961

Il 22 aprile, Piero Manzoni e Enrico Castellani espongono alla Galleria La Tartaruga di Roma ("Castellani & Manzoni"). Qui Manzoni firma per la prima volta degli esseri umani (modelle nude o persone del pubblico) trasformandoli in Sculture viventi. Diventano così opere d’arte Marcel Broodthaers, Umberto Eco, Emilio Villa, Henk Peters.
In agosto Manzoni inaugura a Zagabria la mostra "Nove tendencije" con il gruppo Gorgona. Per la rivista "Gorgona" progetta una prima versione delle "Tavole d'accertamento". La versione definifitiva sarà edita per i tipi di Vanni Scheiwiller (prima nell'ottobre del '61 e poi esattamente un anno dopo) e comprenderà opere ideate separatamente tra il 1958 e il 1960: due carte geografiche (Irlanda, Islanda), due alfabeti, due impronte (pollice sinistro, pollice destro), una linea, le impronte della mano sinistra e della mano destra.
Il 1961 è l’anno della Merda d’artista.
Le 90 scatolette vengono reallizzate in maggio e sono presentate per la prima volta in pubblico il 12 agosto, alla Galleria Pescetto di Albisola Marina ("In villeggiatura da Pescetto", 12-19 agosto).
Nello stesso anno Piero Manzoni crea le Basi magiche (piedistalli che trasformano in un opera d’arte chi vi sale sopra) ed inizia la serie degli Achromes realizzati con nuovi ed inediti materiali: cotone, fibra di vetro, legna, polistirolo fosforescente, rosette, peluche, carta da pacchi e di giornale.
A Herning, in Danimarca, realizza la Base del mondo ("Socle du monde, socle magique n.3 de Piero Manzoni, 1961, Hommage à Galileo"), una base magica capovolta, capace di sostenere il mondo intero.
In autunno Piero Manzoni è tra gli artisti del Gruppo Milano 61 (insieme a Bonalumi, Castellani, Dadamaino) presenti alla sezione "Informativo – sperimentale" del XII Premio Lissone (Lissone, 23 settembre–23 ottobre).

1962

Manzoni è prende parte a due mostre del Gruppo Zero (Anversa e Berna) e partecipa con grande fervore progettuale alla "Exspositie Nul", organizzata dall'amico artista Henk Peters presso lo Stedelijk Museum di Amsterdam.
La tematica della sparizione dell’opera d’arte, fatta propria da Henk Peters e dagli organizzatori della mostra, era stata anticipata da Manzoni nel "Manifesto contro niente per l’esposizione internazionale di niente" (pubblicato a Basilea nel 1960 e firmato insieme a Bazon Brock, Enrico Castellani, Rolf Fenkart, Carl Laszlo, Heinz Mack, Onorio, Piene e Herbert Schuldt.)
Le ultime opere e progetti di Piero Manzoni sono caratterizzati da una grandiosità architettonica: dalla finestra fosforescente realizzata in una fabbrica di camicie ad Herning, all’idea di tracciare una linea lunga quanto il meridiano di Greenwich, fino al progetto per il Placentarium, un gigantesco "corpo d’aria" abitabile, "teatro pneumatico per balletti di luce, di gas, ecc...".
Nello stesso anno, Manzoni progetta insieme all'editore Jes Petersen la pubblicazione di un libro dalle pagine bianche: "Piero Manzoni. The Life and the Works".

1963

Il 25 gennaio si apre alla Galerie Smith di Bruxelles una mostra mono- grafica dedicata all’opera di Manzoni.
Il 6 febbraio, Piero Manzoni muore improvvisamente di infarto a Milano, nel suo studio di via Fiori Chiari 16.

Torna su Torna su Stampa la pagina  Versione stampabile Spedisci la pagina  Segnala la pagina
 
 
HELP   |   CONTATTI   |   NEWSLETTER   |   SONDAGGI   |   DOWNLOADS    |   CARTOLINE   |   TESI ON LINE   |   GALLERY    |   CREDITS
© 2003-14 Fondazione Piero Manzoni - Versión en español Versión en español - English version English version - Web Design and Content Management by Stefano Cappelli